Inspiring People. Growing Organizations. Strengthening Communities.

News Updates

New Publication! Facilitation And Evaluation

I co-edited this issue of New Directions in Evaluation to bridge the views of these two fields. More



How will we write the next chapter of the story of race in America?

Using Art of Hosting and Conflict Transformation: An event in Houston, Texas.    More


New Results on Girls' Lives in Afar

Why is it hard to change attitudes about girls' education? Because in poor countries, it's more complex than you may think. Check out the results of this study funded by Girlhub Ethiopia More


Photo courtesy of Girlhub Ethiopia ©2013


Arts in Evaluation

My webinar on the use of Arts in Evaluation is now available online.  More


'Inclusion Is Not A Matter of Choice, It's A Matter of Survival' from Fierro Consulting: Inspiring People. Growing Organizations. Strengthening Communities.'s Blog

Inclusion Is Not A Matter of Choice, It's A Matter of Survival

Feb 16, 2016
Category: Antiviolence  Racism  Power Dynamics  Participatory Leadership  Art of Hosting  Antiracism  Why Invest in Inclusion?  Why invest in inclusive conversations?  Inclusive Conversations  Italiano 
Author: Rita Fierro, Ph.D.

"What is it about you Americans?” a friend in New Zealand said to me a few months ago, “Why are you so resistant to the common good?" The state of panic, fomented by some presidential candidates, reminds me of that statement. Inclusive conversations are defined as conversations where differences are leveraged as a resource, not a threat. For this issue, I’m addressing practicing inclusion for our common good.

What is the “common good?” It is something that affects all of us humans as human. Right now, the political landscape has become polarized because it is fear-driven, it helps us forget that we have anything in common. People rush to push others away in order to offer an illusion of protection. If only I can live in a box, and protect my box, I’ll be fine. Let’s just make the box bigger, stronger, let fewer people in. It is an illusion. We have forgotten that human beings cannot live in a box. We are human, we cannot live outside of communities.

Photo Credit: Louis Waweru Besides an organizational consultant, I am also a Reiki  practitioner and teacher. Reiki is healing energy that  fosters balance and relaxation in the body. It helps  relieve pain, anxiety, stress, and depression. In the  past 14 years as a Reiki practitioner, I have treated  people at mental health, recovery, and AIDS clinics,  homeless shelters, and privately. I have treated: social  workers and managers, homeless and professionals,  people with mental health challenges and recovering  from addiction, old and young, rich and poor,  republicans, democrats, independents, socialists and  anarchists, formally educated and not, veterans and  pacifists, from the United States and other places in  the world. People generally come to me because their  body is hurting, and they’ll do anything to try to make  it feel better, even if they don’t believe in Reiki. Reiki  brings emotional healing and peace too, but most  people don't believe or care about that in the  beginning of treatment. They just want their head,  knee, back, sciatica pain to go away. Doing Reiki has  taught me about the common good.

There is one thing that I know all human beings have in common: a yearning to connect and be seen, appreciated, and loved. When I hold my hands over someone where they feel pain, I sometimes see images, like photographs stored in their body. My hands become the darkroom for these pictures to come to light. More frequently than not, those images are moments of separation or isolation. A man stopped by the police terrified his family would have nothing to eat if they locked him up. A mother and daughter fighting. The shame of abortion, 50 years later. An old friend walks away after a misunderstanding. A lover surprised with someone else. The immigration police knocking on one’s door.

The most frequent image I see is that of rejection. The personal feels excluded, or unloved, because they feel they do not belong they:are schizophrenic or schizoaffective, alcoholic or drug user, homeless or mentally vulnerable, Black or Latino, have four toes or three nipples, are too fat or too skinny.

As a sociologist, it is so blatant to me that the rise in shootings in the USA and the world is connected to this increased sense of exclusion and fear. Durkeim in 1897, called it anomia, a social cause of suicide. Durkheim said that when social norms change too quickly, as they often do in the post-industrial world, some feel a sense of disconnect and alienation from societal norms, they take their lives to react. I believe that currently, the sense of exclusion is so high, for some as individuals, for others as a group, that many are willing to take their own lives and the lives of others to just be able to end the pain that they feel inside. So to me, it is clear that the rising violence originates from the pain of exclusion, whatever the politics. Hurt people hurt people.

It's so easy to hate this or that politician, take your pick. It's much harder to love and talk with your neighbor or family member on the other side of any controversial argument and have a conversation and stay open mind and heart. When we shut down we ultimately hurt ourselves, and store the sense of isolation into our bodies as pain. While we struggle to find legal agreements and long-term solutions, let us not forget the greatest antidote to violence is love, connection, and community. Especially when connectedness and openness takes courage. For when we feel loved, embraced, and connected in community, we safeguard it. So what we do for the common good benefits ourselves as individuals, too.

Our weapons are way too advanced for how immature we are at love. We say “I love you,” but can turn it quickly into hate.  It’s harder to love when we are scared, stay loving and open when we are angry, when we are terrified. There is no other option for us to survive as a species.

What if each of us today took someone who has outrageous beliefs and accepted or listened to the story that gave life to them? What if we stepped through the illusion of fear focused on our common good? Societies that pay more attention to the common good are a lot less violent than ours. We must begin to value and invest in our common good. Our survival as a country and a species depends on our ability to learn how to do so.

Photo credit: Louis Waweru

 

ITALIAN VERSION

L'inclusione non è una questione di scelta, è una questione di sopravvivenza

"Cosa avete voi americani?" Un amico della Nuova Zelanda mi ha detto un anno fa: "Perché siete così resistenti a prendere in considerazione il bene comune?" Lo stato di panico attuale, fomentato da alcuni politici, e dagli atti di violenza, mi ricorda quel giorno. 
Per questo blog sulle conversazioni inclusive, affronto la pratica di inclusione per il nostro bene comune. Le conversazioni inclusive sono definite come quelle conversazioni in cui le differenze sono viste come una risorsa, non una minaccia. 

Cosa è il "bene comune?" E un qualcosa che riguarda tutti gli esseri umani in quanto tali. In questo momento, il panorama politico è diventato polarizzato perché la paura sta alla guida. La paura ci fa dimenticare cosa abbiamo in comune. La gente ci incita a diffidare degli altri  offrendo un'illusione di protezione. Se solo potessi vivere in una scatola e proteggere la mia scatola, starei al sicuro. Basta  fare una scatola più grande, più forte e con meno persone intorno. Svegliatevi. E' un'illusione. Abbiamo dimenticato che gli esseri umani non possono vivere in una scatola? 
Siamo umani, non possiamo vivere senza comunità.

Photo Credit: Louis Waweru

Sono una consulente per le organizazioni, ma anche una praticante ed insegnante di Reiki. Il Reiki è energia che favorisce l'equilibrio, la guarigione e il rilassamento del corpo. Aiuta ad alleviare dolori, ansie, stress e depressione. Negli ultimi 14 anni, ho trattato col Reiki persone in cliniche psichiatriche - per il recupero dalla tossicodipendenza e dall' AIDS - in case per senzatetto e privatamente. Ho trattato: assistenti sociali e dirigenti, persone senza fissa dimora e professionisti, persone con problemi di salute mentale e il recupero dalla tossicodipendenza, vecchi e giovani, ricchi e poveri, repubblicani, democratici, indipendenti, gente di destra, sinistra e centro, formalmente istruite e non, veterani e pacifisti, negli Stati Uniti, in Nuova Zelanda, Europa e Africa. La gente generalmente viene da me perché le fa male qualcosa e farebbero di tutto per farlo passare, anche se non credono nel Reiki. Il Reiki aiuta anche la guarigione emotiva e la pace interiore, ma la maggior parte delle persone non pensano a questo all'inizio. Vogliono solo che la loro testa, le loro ginocchia, la loro schiena, la loro sciatica smetta di far male. Praticare il Reiki mi ha insegnato il bene comune.

C'è una cosa che so che tutti gli esseri umani hanno in comune: il desiderio di connettersi ed essere visti, apprezzati e amati. Quando tengo le mie mani su qualcuno laddove sentono il dolore, a volte vedo immagini come fotografie memorizzate nel loro corpo. Le mie mani diventano una camera oscura che permette a queste immagini di venire alla luce. Spesso, quelle immagini sono momenti di separatezza  e isolamento. Un uomo fermato dalla polizia ha paura che la sua famiglia non avrebbe nulla da mangiare se lo rinchiudessero. Una madre e figlia dopo una lite. La vergogna dell'aborto, 50 anni dopo. Un vecchio amico si allontana dopo un'incomprensione. Un'amante sorpreso con qualcun altro. La polizia bussa alla porta di un immigrato.


L'immagine più frequente che vedo è quella di un rifiuto. La persona si sente esclusa o non amata, perché sente di non appartenere: a volte sono persone schizofreniche o schizoaffettive, alcolizzati o che fanno abuso di droga, senza tetto o mentalmente vulnerabili, Neri o sudamericani. Hanno quattro dita dei piedi o tre capezzoli, sono troppo grassi o troppo magri.

Come sociologa, è palese per me che l'aumento delle sparatorie e degli attentati negli Stati Uniti e nel mondo è legato a questo maggiore senso di esclusione e di paura. Durkeim nel 1897 lo ha definito anomia, questa è una delle cause sociali del suicidio. Durkheim ha detto che quando le norme sociali cambiano molto in fretta, come spesso accade nel mondo post-industriale, alcuni si sentono particolarmente sconnessi dalla collettività e alienati dalle nuove norme sociali. Si uccidono per reagire. Credo che attualmente il senso di esclusione è così alto per alcuni come individui, per altri come gruppo, che molti sono disposti a uccidere se stessi e gli altri per porre fine al dolore che sentono. Quindi, per me, è chiaro che la crescente violenza nasce dal dolore creato dall'esclusione, qualunque sia il posizionamento politico. Le persone ferite feriscono.

E' così facile odiare questo o quel politico, questa o quella persona. E' molto più difficile amare e parlare con il vicino di casa o un membro della famiglia al di là di qualsiasi diversità di opinione.  Avere una conversazione e rimanere aperti di mente e cuore. Quando ci chiudiamo, facciamo male a noi stessi e preserviamo il senso di isolamento nel nostro corpo che diventa dolore. Mentre ci sforziamo per trovare accordi e soluzioni di lungo termine, non dimentichiamo che il più grande antidoto alla violenza è l'amore, il contatto e la comunità. Soprattutto quando il contatto e l'apertura richiedono coraggio. Quando ci sentiamo amati, accettati e uniti in comunità, la salvaguardiamo. Quindi quello che facciamo per il bene comune lo facciamo anche per noi stessi.

Le nostre armi sono troppo avanzate per quanto immaturi siamo le nostre capacità di amare. Noi diciamo "Ti amo" o "Ti voglio bene" ma si trasforma troppo facilmente in odio. E' più difficile amare quando abbiamo paura, rimanere amorevole e aperti quando siamo arrabbiati, quando siamo terrorizzati. Non abbiamo altra possibilità per sopravvivere come specie.



Photo credit: Louis Waweru

E se ognuno di noi cercasse di avere una conversazione oggi qualcuno che ha opinioni opposte dalle nostre? Accettare il punto di vista opposto e ascoltare cosa li ha fatti giungere a quella conclusione? Che cosa succede se lasciassimo stare l'illusione della paura e ci concentrassimo sul bene comune? Le società che prestano più attenzione al bene comune sono molto meno violente. Dobbiamo investire nel nostro bene comune. La nostra sopravvivenza come paese e come specie lo esige.

 

 

 


Share This Post


Share Your Thoughts

comments powered by Disqus